Skincare Myth: Your skin absorbs everything you put on it

Mito sulla cura della pelle: la tua pelle assorbe tutto ciò che le metti sopra

Ti è mai stato detto da bene, tutti e dal loro cane " La tua pelle assorbe tutto ciò che ci metti sopra" ?...

Questo è uno di quei miti perpetuati da tutti, dalla signora della mensa fino al NY Times, girando per anni su Internet in un ciclo infinito.

E non importa quante volte proviamo a smontarlo, continua a tornare! Ma quando è condiviso da medici diventati professionisti della cura della pelle che apparentemente hanno dimenticato la bio 101, è semplicemente imperdonabile.

Il nocciolo della questione è che quell'affermazione non è vera o, come diremmo nel 2022, fake news. (Lo diciamo ancora?)

Permeabilità della pelle

La pelle, l'organo più grande del corpo umano, funge da barriera e svolge un lavoro straordinario. Impedisce alle tue viscere - muscoli, vene, tendini, ossa, organi e tutto il resto - di fuoriuscire, oltre a impedire alla maggior parte di ciò che ci circonda di entrare, inclusi acqua, terra, polvere, germi, virus, batteri e altro. Se così non fosse, diventeremmo palloncini di shampoo, sapone e acqua dopo ogni doccia che facciamo. È una visualizzazione divertente, vero?

La pelle assorbe FINO AL 60% di quello che ci metti SE e SOLO SE abbastanza piccola da penetrare in tutti gli strati della pelle.

Questo FINO AL 60% è un campo da baseball, non una misura esatta, una stima molto gonfiata e non precisa se vuoi, perché per qualsiasi motivo le persone hanno bisogno di avere un numero legato a tutto.

Ma questo numero gonfiato non preciso dipende da molti fattori inclusi, ma non limitati a, con cosa viene a contatto la nostra pelle, in quali concentrazioni, l'età dell'individuo, il suo peso, il pH della sostanza chimica, quale parte di il corpo con cui la sostanza chimica viene a contatto — poiché non tutta la nostra pelle ha la stessa capacità di assorbimento —, la temperatura del corpo e la temperatura del composto al momento del contatto, la salute generale della persona, la salute fisica del pelle e la dimensione delle molecole, tra molti altri fattori.

Lo spessore della pelle, il numero di strati cellulari, la dimensione cellulare dell'epidermide e dello strato corneo e la distribuzione dei follicoli piliferi influiscono notevolmente sulla permeabilità cutanea. Come regola generale, più sottile è la pelle, maggiore è il suo tasso di assorbimento.

Da Normal_Epidermis_and_Dermis_with_Intradermal_Nevus_10x.JPG: KilbadCropped ed etichettato rispettivamente da Fama Clamosa (talk) e Mikael Häggström - Normal_Epidermis_and_Dermis_with_Intradermal_Nevus_10x.JPG (Public Domain) La scala in basso a sinistra è stata creata da una stima dei nuclei delle cellule epidermiche medie di 8,6 μm secondo il seguente studio :(2011). "Identificazione automatizzata dei cheratinociti epidermici nella microscopia confocale a riflettanza". Journal of Biomedical Optics 16 (3): 030502. DOI:10.1117/1.3552639. ISSN 10833668., Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=10759481

Di Mikael Häggström, basato sul lavoro di Wbensmith - File: WVSOM Meissner's corpuslce.JPG di Wbensmith. Gli strati sono stati disegnati secondo l'immagine nella Home Page di Deborah S. Dempsey, Dipartimento di Scienze Biologiche Northern Kentucky University > V. SKIN > 2 LAYERS ( [1]), CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=10759398

Il motivo per cui questo numero del 60% non è una misura esatta è perché non tutto assolutamente permea la nostra pelle, e non tutto ciò che permea la pelle lo fa alla stessa velocità, nella stessa quantità o penetra completamente in tutti gli strati della nostra pelle per raggiungere il nostro flusso sanguigno, linfatico e organi.

Se il 60% fosse una misura esatta, immagina le dimensioni che il tuo corpo diventerebbe semplicemente nuotando in una piscina o nell'oceano. Il 60% dell'acqua in quella piscina o spiaggia sarebbe dentro di te in pochissimo tempo. Palloncini d'acqua umani istantanei. Eppure ciò non è mai accaduto nella storia di mai.

L'acqua, ad esempio, non può penetrare nella pelle dall'esterno verso l'interno. Questo perché la pelle è brava in quello che fa, e perché l' epitelio squamoso stratificato , noto anche come strato corneo, viene cheratinizzato, rendendolo impermeabile e impermeabile . L'acqua entrerà nelle cellule dello strato esterno dell'epidermide, lo strato corneo , gonfiandole, ma non entrerà oltre, motivo per cui stare seduti in una pozza d'acqua per un po' ti farà sembrare tutto rugoso come una prugna.

La nostra pelle è permeabile fino a un certo punto, o impermeabile fino a un certo punto, comunque la si voglia vedere. ( 1 , 2 )

Alcuni prodotti chimici ce la fanno senza problemi, mentre altri no, e c'è una ragione fondamentale per cui, la dimensione delle loro molecole .

Le misure contano. Ma non sempre.

Lasciate che vi presenti la regola dei 500 Dalton . La regola dei 500 Dalton afferma che una sostanza per poter attraversare la barriera cutanea deve avere un peso molecolare inferiore a 500 Dalton. La maggior parte degli allergeni sono inferiori a 500 Dalton. MA le dimensioni non sono l'unico fattore per la penetrazione cutanea. ( 3 )

L'acqua, ad esempio, ha un peso molecolare di 18,01528 g/mol = 18,01528 Dalton. La glicerina invece ha un peso molecolare di 92,09 Dalton. In teoria, secondo questa regola, l'acqua e la glicerina dovrebbero essere in grado di passare attraverso la pelle senza problemi, eppure non lo fanno . Questo perché, come ho detto sopra, la pelle sopra è impermeabile e impermeabile . Tuttavia, le sostanze chimiche in quelle sostanze potrebbero potenzialmente farcela lasciando fuori tutto il resto.

A seconda delle dimensioni delle molecole, del pH, della polarità e di un carico di altri fattori, alcune sostanze rimarranno in cima alla pelle, all'interno dello strato esterno della pelle, o in alcuni casi permeano completamente, quasi intatte e immutate.

Nei cosmetici, in particolare, la maggior parte degli ingredienti non riesce a penetrare nella pelle, semplicemente perché le loro dimensioni molecolari sono troppo grandi o la loro polarità non è corretta. Alcuni principi attivi progettati per essere trasportati nella pelle o assorbiti dalla pelle, o sono incorporati nel tessuto connettivo della pelle, dove fanno la loro magia come diciamo noi, o sono metabolizzati ovvero scomposti dalla nostra pelle e dal nostro corpo. Ciò che serve rimane negli strati della pelle, e l'eccesso va nel flusso sanguigno e viene scartato dagli organi incaricati di rimuovere le tossine dal nostro corpo (reni, fegato e colon - no, la tua pelle e il tuo sistema linfatico non sono disintossicanti organi ).

Sfortunatamente non tutti gli ingredienti lo fanno, ed è qui che i chimici cosmetici devono stare molto attenti. I chimici cosmetici, per la maggior parte, evitano a tutti i costi la penetrazione cutanea involontaria di principi attivi. Almeno la maggior parte di noi lo fa. In una corsa disperata per ottenere l'aspetto perennemente giovane così sfuggente, alcuni formulatori dimenticano che il nostro scopo è quello di migliorare l'aspetto della pelle senza danneggiarla o influenzarla negativamente. Particelle abbastanza piccole, chiamate nanoparticelle, attraverseranno gli strati della pelle senza alcuno sforzo, supponendo che siano più piccole di 500 Dalton. Quando l'ingrediente è stato studiato abbastanza per dimostrare l'efficacia e che non presenta effetti collaterali dannosi per il corpo umano, l'ingrediente diventa un fenomeno nella cura della pelle. Tuttavia, non tutti gli ingredienti passano attraverso lo stesso processo rigoroso e molti falliscono, per così dire.

Tra i tanti ingredienti nei cosmetici in voga negli ultimi anni, i metalli colloidali preziosi e semipreziosi, come oro, argento, titanio e simili, con affermazioni piuttosto fasulle, ristrette e non scientifiche (pseudoscientifiche), vengono utilizzati nelle preparazioni cosmetiche , anche contro le normative vigenti a livelli non sicuri per un uso regolare o quotidiano. Questi metalli polverosi, scherniti come la prossima cosa migliore nei cosmetici, penetrano nella pelle senza alcuno sforzo rimanendo completamente inalterati, e questo è un problema.

I fautori di questi metalli preziosi e semipreziosi nella cura della pelle si stanno concentrando esclusivamente sui benefici che questi metalli presumibilmente apportano alla pelle, e dico presumibilmente perché i risultati non sono conclusivi, senza prendere in considerazione i possibili effetti collaterali negativi.

Poiché il corpo umano non ha assolutamente alcuna utilità per questi metalli, al contrario di ferro e rame per esempio, di cui il corpo ha bisogno in quantità relativamente molto piccole per funzionare correttamente, argento, oro e titanio hanno il potenziale per essere dannosi per la nostra salute generale e il nostro benessere. -essendo, come discusso in numerosi studi condotti in vivo e in vitro .

Solo perché brilla non significa che ti faccia bene.

Se non ti piace un puffo come il colore della pelle blu argenteo con molti problemi di salute come effetti collaterali, potresti voler allontanarti dai cosmetici contenenti argento colloidale. Se non vuoi soffrire potenzialmente di danni ai reni, al fegato, all'intestino e alla milza, potresti invece voler evitare cosmetici con oro colloidale. ( 4 , 5 )

È buona norma essere consapevoli di ciò che mettiamo sulla nostra pelle, tanto quanto di ciò che mangiamo, beviamo e respiriamo. Sapere quali ingredienti cercare, i loro benefici o possibili effetti negativi e quali dovremmo evitare completamente è importante per il nostro benessere generale. Ma presumere che tutto ciò che strofiniamo sulla nostra pelle verrà assorbito non è una realtà, ma un mito infondato creato solo per scopi di marketing, in particolare nel "settore della cura della pelle naturale".

La consapevolezza non dovrebbe essere tradotta in allarmismo, ma conoscenza consapevole in modo che TUTTI possiamo prendere decisioni informate.

Riferimenti

1 - Ricerca sulla pelle che trattiene l'acqua - https://www.fau.eu/2014/02/13/news/research-into-skin-that-holds-water/ ,
2 - Epidermide - https://courses.lumenlearning.com/wm-biology2/chapter/epidermis/ ,
3 - La regola dei 500 Dalton per la penetrazione cutanea di composti chimici e farmaci - https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10839713/
4 - Cos'è l'Argiria? - https://www.webmd.com/skin-problems-and-treatments/argyria-overview ,
5 - Nanoparticelle d'oro: distribuzione, bioaccumulo e tossicità. Studi in vitro e in vivo - https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S1549963417301582

Manuela Valenti

Italian/Venezuelan/American Psychopedagogist, International Artist & Cosmetic Formulator. CEO & Founder of By Valenti Organics, and Manuela Valenti Studio & Gallery.

Related Posts

Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.

Avviso sul copyright

Copyright © 2007 - 2022 Di Valenti Organics. Tutti i diritti riservati. Questo materiale è protetto dalla legge federale sul copyright degli Stati Uniti. Non puoi copiare, riprodurre, duplicare o creare opere derivate da questo contenuto senza il consenso scritto. Puoi collegarti a questo contenuto e/o utilizzare parti di questo contenuto in base al Fair Use purché ci venga dato credito e un link a questo articolo originale sia visibile nel tuo. Per i privilegi di ristampa, vi preghiamo di contattarci.